Misurazione popolarità nei Social Media

Webing ha messo a punto un algoritmo proprietario di misurazione della popolarità nei social media, atto a definire sia l’aspetto qualitativo che quantitativo delle discussioni o degli orientamenti che emergono nei siti con user-generated-content e che riguardano una particolare azienda, marca o tematica. Questo valore soddisfa l’esigenza di misurare ed analizzare al meglio le attività di social marketing e le conversazioni monitorate per conto dei propri clienti, nonchè per descrivere nella maniera più chiara possibile gli atteggiamenti dei consumatori, i loro feedback e atteggiamento nei confronti di marche e prodotti.

Il Social Popularity Index (SPI) è un valore numerico che esprime la popolarità di una data tematica di discussione. Ad esempio, attraverso l’analisi dei post in target (definiti sulla base di ricerche condotte preventivamente) pubblicati nei social media precedentemente mappati, possiamo fornire un risultato che riflette la partecipazione degli utenti ed il sentiment prevalente, legato ai temi in di interesse in un dato timeframe.

Monitoring reputazione online

Sai cosa si dice della tua marca o dei tuoi prodotti online? Il 26% dei risultati su Google che riguardano i 20 brand più importanti è riferibile ai social media, ad esempio blog e siti di review sui prodotti.

Pensa ad esempio a quanto incidono i siti web di review quando dobbiamo scegliere hotel, ristoranti o prodotti: prova tu stesso a verificare cosa dicono le review dell’hotel in cui hai appena soggiornato.
La reputazione di marche e prodotti oggi è fortemente influenzata dai social media ed è proprio in queste piattaforme che è necessario comunicare con gli strumenti ed il linguaggio adatti.

Webing mette a disposizione dei propri clienti gli strumenti per il monitoring della reputazione online, sia qualitativi che quantitativi, ma, soprattutto, supporta le aziende e pianifica tutti gli interventi necessari affinché la reputazione di marche e prodotti sia correttamente rappresentata ed, eventualmente, difesa. L’attività di monitoring viene svolta dai nostri Social Media Specialist i quali ricercano, analizzano e sintetizzano tramite report quali/quantitativi il sentiment di brand e prodotti, identificando opinioni, review e commenti di ogni genere.

 

Difesa reputazione online

In alcuni casi la difesa della reputazione online di manager di aziende, marche e prodotti può comportare anche l’intervento di avvocati e di autorità pubbliche chiamati ad intervenire per gestire casi –ad esempio– di diffamazione. In questi casi Webing collabora con studi legali competenti mettendo a disposizione dei clienti il proprio know-how tecnologico ed offrendo il supporto necessario per intervenire al fine di vedere eliminati i contenuti oggetto dei contenziosi, ovvero, attraverso il posizionamento di contenuti volti a contrastare i falsi messaggi diffusi in rete.

Concorsi Facebook senza modalità di partecipazione alternative

Da fine ottobre 2011 è finalmente possibile anche in Italia organizzare concorsi riservati esclusivamente agli utenti iscritti a Facebook. In precedenza non era possibile limitare la partecipazione ai soli utenti Facebook: era necessario garantire la possibilità di partecipare anche agli utenti non iscritti al social network, ad esempio, attraverso la realizzazione di micrositi che riflettessero la meccanica di partecipazione/gioco. Da oggi finalmente si possono organizzare concorsi e contest su Facebook solo per gli iscritti.

Concorsi su Facebook – pratiche amministrative e regolamenti

Webing idea e gestisce campagne di social marketing utilizzando concorsi su Facebook, occupandosi di tutti gli aspetti di campagna, inclusi quelli meno divertenti ed engaging, ma ugualmente necessari, quali la stesura del regolamento di concorso, il deposito presso il competente ministero e l’estrazione dei vincitori alla presenza di un funzionario camerale o di un notaio preposto.

Twitter per le Aziende

Molte aziende ed organizzazioni utilizzano Twitter, il più importante ed utilizzato tra i microblog (http://twitter.com), sia per assistere i propri clienti che per trovarne di nuovi. In che modo se tutto ciò che abbiamo a disposizione sono 140 caratteri per rispondere ad una semplice domanda come “what’s happening?”
Crediamo che il modo migliore per spiegarlo sia una testimonianza… diretta capitata proprio a noi!

In uno dei nostri frequenti spostamenti tra Londra e Milano siamo incappati in un disservizio da parte di una nota compagnia low cost. Aggiornato il profilo su Twitter con un post che sconsigliava di scegliere quella compagnia, dopo pochi minuti siamo stati contattati proprio da un tale “Paul” che ci chiedeva di contattarlo via email per spiegare meglio l’accaduto. L’indirizzo che seguiva paul@” era esattamente quello della compagnia in questione e dopo averlo contattato privatamente spiegando l’accaduto, siamo stati contattati dalla compagnia che ha provveduto a risolvere (almeno in parte) il problema.

Grazie per la case history spontanea Paul! :-)

Webing supporta i propri clienti nel set up e nella gestione di profili Twitter aziendali, favorendo il networking e definendo la strategia di posizionamento organico.