Concorsi a premi

Organizzare concorsi a premi

Organizzare un concorso a premi: tutti i passi da compiere.

Per organizzare un concorso o una operazione a premi in Italia, bisogna tenere conto di 3 aspetti diversi:

  • gli obiettivi che si intende raggiungere con il concorso (brand awareness, acquisizione prospect, acquisizione clienti)
  • gli strumenti necessari per raggiungere gli obiettivi
  • la normativa vigente e gli aspetti fiscali

In questo post prenderemo in esame soprattutto il primo e il secondo punto, rimandando il punto 3 alle informazioni disponibili sui siti web governativi. Vi consigliamo in generale di affidare la gestione legale, burocratica/amministrativa a una agenzia (come Webing), affinché possiate concentrarvi sui primi due punti, di gran lunga i più importanti.


Definisci gli obiettivi del concorso a premi

La gestione di un concorso nei social media richiede una pianificazione che deve considerare prima di tutto gli obiettivi. Per quale motivo si vuole lanciare un concorso a premi? I motivi possono essere molteplici, ma solitamente si riducono a 3:

  • Brand awareness? Ovvero, vuoi che gli utenti parlino del tuo brand ma non necessariamente vuoi acquisire i dati personali dei partecipanti? Allora potresti orientarti su delle meccaniche che prevedano contenuti user-generated. Un concorso fotografico o un video contest ad esempio.
  • Engagement? Se il tuo obiettivo è “far divertire” i tuoi fans e follower, potresti invece considerare di inserire degli aspetti di gamification. Anche in questo caso, tieni presente che se non chiedi dati personali ai partecipanti acquisisci più utenti, quindi più traffico e visibilità. Se invece chiedi a tutti di compilare un form ne lascerai qualcuno in più “per strada”.
  • Database building / acquisizione prospect / lead generation?
    In questo caso devi raccogliere i dati degli utenti e utilizzerai questi dati per profilare i tuoi utenti, inviare newsletter e promozioni successivamente. Con il nostro supporto, potresti anche predisporre un marketing funnel prevedendo già tutto il percorso che l’utente attraverserà fino alla conversione in cliente. In questo contesto esistono molte meccaniche diverse applicabili, ma ti sconsigliamo quelle che prevedono contenuti user generated perché limitano invece l’acquisizione di lead.

Definisci la meccanica del concorso

Dopo aver preso coscienza degli obiettivi, ricerca la meccanica che funziona meglio per raggiungerli. Informati, leggi case history e limita la tua shortlist a 2/3 meccaniche diverse. Esplora gli strumenti disponibili (software) e valuta quelli migliori e più adatti al caso tuo. Puoi vedere alcuni esempi di concorsi a premi qui oppure contattaci per ricevere una presentazione delle nostre soluzioni, abbiamo gestito centinaia di contest nei social.


Come gestire concorsi nei social?

Per gestire a livello operativo i concorsi nei social avrai bisogno di una applicazione software. L’applicazione dovrà essere fornita da una struttura ubicata fisicamente in Italia, perché ciò è richiesto dalla normativa sui concorsi a premio. Quindi, tutte le piattaforme self-service americane o comunque ubicate fuori dall’Italia tipo Gleam, Strutta, Woobox, Wishpond e simili, non le puoi utilizzare perché non rispettano queste regole. I dati dei partecipanti che raccoglierai verranno registrati attraverso l’applicazione software. E’ un punto molto importante e delicato perché le sanzioni, in caso tu utilizzi applicazioni non ubicate in Italia, sono molto alte.

Prova la demo gratuita per gestire concorsi a premi

La normativa dei concorsi su Facebook e nei social in genere

Sia che ambienti il tuo concorso su Facebook, un minisito, lo integri con Instagram o con Twitter, YouTube, etc., la normativa di riferimento è sempre la stessa. Ogni manifestazione a premio richiede la stesura di un regolamento ma l’adempimento successivo è diverso.

Per i concorsi a premio bisogna:

  • Redigere il regolamento e compilare il modello “Prema”
  • Versare la cauzione sul totale del montepremi (tramite fidejussione o versamento)
  • Depositare tutto presso il ministero competente
  • Attendere 15 giorni prima di pubblicizzare il concorso e consentire la partecipazione

Nelle “Operazioni a premio” la procedura è più semplice e veloce, ma nel caso in cui il premio non venga dato ai consumatori al momento dell’acquisto è sempre necessaria la cauzione, in questo caso sul 20% del valore totale del montepremi.


Assegnazione dei premi

In base all’ art. 9 del DPR 430/01, per quanto riguarda i concorsi a premio, ogni fase dell’assegnazione dei premi è effettuata alla presenza di un notaio o del responsabile della tutela del consumatore e della fede pubblica competente per territorio.

Per i concorsi instant win, è comunque obbligatorio redigere un verbale di assegnazione nel quale si attesti il corretto svolgimento della manifestazione.


Obblighi tributari

Sui premi delle Manifestazioni a Premio gravano specifici adempimenti fiscali che variano in base alla natura dei destinatari della Manifestazione.

  • in nessun caso l’IVA sull’acquisto dei premi è detraibile
  • in caso di IVA esente o non esposta è necessario comunque applicare l’imposta Sostitutiva del 20% sul prezzo di acquisto dei premi

Per quanto riguarda le imposte dirette le entità e modalità di applicazione della tassazione variano a seconda dei destinatari della manifestazione. A titolo indicativo, nei concorsi rivolti ai consumatori sui premi grava una ritenuta di imposta pari al 25% del loro valore.


Consegna dei premi

L’invio dei premi dovrà avvenire con modalità che consentano di dimostrare l’avvenuta ricezione da parte del vincitore.


Onlus

L’ art. 10 del DPR 430/01 dispone che, nei Concorsi a Premio, i premi non richiesti o non assegnati vengano devoluti a una Onlus che viene indicata sul regolamento. La Onlus, in caso diventi beneficiaria del premio, dovrà predisporre una lettera di accettazione.


La normativa sui concorsi a premio

Di seguito i testi normativi che regolano le manifestazioni a premio.

DPR 430 del 2001: Regolamento sulla revisione della disciplina dei concorsi e delle operazioni a premio.

Circolare 28 Marzo 2002: Prime indicazioni esplicative ed operative in merito al D.P.R. n. 430 del 26 ottobre 2001.

D.Lgs 5 luglio 2010: Rideterminazione della disciplina delle manifestazioni a premio.

Art. 19 Legge 27 Dicembre 1997, n.449: Disciplina fiscale delle manifestazioni a premio.


Coinvolgi colleghi e amici, segnala questa pagina!